CONSULENTE DEL LAVORO

  • Consulenza Giuslavorista
  • Contratti Di Lavoro
  • Contributi INPS
  • Controversie Di Lavoro
  • Giurista Del Lavoro
  • Paghe e Contributi
  • Rapporti INPS
  • Rapporti Inail
  • Stipendi
  • Tenuta Dei Libri Paga E Matricola

La gestione del servizio è interamente informatizzata con costo mensile della redazione busta paga  estremamente contenuto; non sono addebitati costi aggiuntivi per adempimenti ordinari mensili ed annuali connessi:

  • trasmissioni telematiche
  • autoliquidazione Inail
  • modelli CU, modelli 770
  • prospetti ratei per il bilancio
  • prospetti per Iraq e studi di settore
  • accantonamenti TFR
  • dichiarazioni Uniemens
  • modelli F24
  • prospetti di contabilità mensile
  • gestione Assegni Nucleo Familiare
  • gestione conguagli 730

Per il servizio di  redazione buste paga potremmo provvedere a fornire, attraverso una semplice connessione Internet,  l’accesso all’area riservata del ns. Sito e comunicare le presenze mensili dei dipendenti  oppure la compilazione di file con le ore di presenza. Non vi sono costi di attivazione del servizio o di inserimento delle anagrafiche e di eventuali dati storici.                               .
Vengono eseguiti tutti gli adempimenti dei servizi contabili online connessi al settore gestione e amministrazione del personale, quali pratiche di assunzione, variazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro, richieste modello Durc, iscrizioni agli enti previdenziali ed assicurativi, gestione dedicata ai fondi di previdenza complementare, gestione pratiche di infortunio sul lavoro, e garantisce assistenza e consulenza continuativa.

I compiti che il Consulente svolge sono i seguenti:

  • Fornisce le più dettagliate informazioni sugli adempimenti a carico del datore di lavoro, in materia di previdenza ed assistenza sociale dei lavoratori, ma anche su quelli strictu senso giuridici, fiscali e contabili, dalla genesi del rapporto di lavoro, durante la sua evoluzione e fino alla sua definizione;
  • Gestisce e detiene il libro matricola, il libro paga e i prospetti paga;
  • Si occupa della denuncia di ogni singolo lavoratore occupato in un’azienda, all’INPS, all’INAIL e al Ministero del Lavoro;
  • Studia e gestisce i criteri e le modalità di inquadramento professionale e retribuzione per ogni singolo tipo di contratto di lavoro, espleta le pratiche di assunzione e licenziamento, maternità, malattia, infortuni, calcolo ed elaborazione delle buste paga;
  • Cura i rapporti col fisco, i sindacati, l’Ispettorato del lavoro;
  • Dopo la legge Biagi, il consulente del lavoro può provvedere, con le dovute autorizzazioni, anche ad un’attività di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro, con la migliore ricerca e selezione del personale e ancora può provvedere alla dovuta formazione e riqualificazione professionale dei lavoratori;
  • studia e fa applicare le specifiche norme di igiene e prevenzione negli ambienti di lavoro.

Non solo, ma la sua attività va ben oltre, arrivando a toccare temi relativi alla strategia d’impresa quali la consulenza nella gestione aziendale e l’assistenza nei processi di ristrutturazione aziendale. Il consulente del lavoro sa consigliare le migliori tecniche di analisi dei costi d’impresa in relazione al prezzo di offerta del prodotto finale, sa costituire ed analizzare i più efficaci piani produttivi e curare, in relazione a ciò, i rapporti esterni.

Il consulente del lavoro svolge anche un’importantissima attività di certificazione e garanzia di legittimità nella quale si possono fare rientrare una serie di attività legate a:

  • dichiarazione dei redditi;
  • trasmissione informatica delle dichiarazioni fiscali;
  • certificazione tributaria – visto pesante;
  • autentica CCIIAA;
  • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
  • segnalazione alle autorità di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • certificazioni fiscali e tributarie, tenuta ed elaborazione dei libri obbligatori ( Libro Unico del Lavoro) in materia di diritto del lavoro e delle scritture contabili;

Le abilità pratiche del consulente del lavoro sono dunque rivolte principalmente a:

  • interpretare e comporre in un quadro armonico tutte le norme fiscali, retributive e assistenziali, relative ad un determinato e specifico rapporto di lavoro;
  • sapere individuare gli adempimenti previsti dalla legge in ogni singolo momento dell’evoluzione del rapporto di lavoro ed escogitare le migliori proposte in base alle esigenze di ogni singola impresa.

L’attività del Consulente del lavoro non è solo quella di redigere buste paga. Oggi ha assunto una connotazione qualitativa ben più grande. Questo professionista è stato collocato in una posizione strategica tra azienda, Stato e lavoratori, potendo e dovendo garantire un raccordo armonico e funzionale tra diritti e doveri di tutte queste parti coinvolte.

Avendo voluto dunque creare la legislazione di riforma un insieme di competenze nuove e fondamentali in capo a questo professionista, un altro basilare compito gli è stato affidato: prevenire e risolvere le controversie di lavoro. Suo precipuo compito è infatti quello di fornire, a priori, la migliore soluzione per risolvere le controversie di lavoro, assistere e rappresentare l’azienda nelle vertenze extragiudiziali e nei contenziosi con gli Istituti di Previdenza, Assicurazione e Ispezione del Lavoro e nei contenziosi tributari davanti alle commissioni tributarie. In più ha le funzioni rappresentative a lui concesse, in sede di conciliazione e arbitrato nelle controversie di lavoro, dalla Legge 183/2010. Presso i Consigli Provinciali degli Ordini poi sono state istituite le Commissioni di Certificazione cui il consulente del lavoro ha pieno titolo per accedere diventando esso stesso uno strumento ufficiale di composizione delle controversie in sede extragiudiziale.

Ma con le Commissioni di certificazione si potrà più specificatamente: 

  • effettuare il tentativo di conciliazione della controversia, anche se non più obbligatorio;
  • creare un sistema alternativo al contenzioso con vere e proprie camere arbitrali;
  • standardizzare la giusta causa di licenziamento nei contratti individuali di lavoro e certificarla nei casi pratici;
  • certificare la regolarità di tutti i contratti di lavoro in genere.

Il decreto legge cd. «Cresci Italia» del 24 gennaio 2012, n. 1, ufficialmente «Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività » ha abolito integralmente  le tariffe dei professionisti, quindi ha introdotto l’obbligo per tutti gli esercenti di professioni regolamentate di indicare ai clienti prima del conferimento dell’incarico il preventivo  di compenso per iscritto. Il compenso professionale, certo, deve essere adeguato all’importanza dell’opera, ma deve essere prima di tutto chiaro, contenendo la specificazione di tutte le informazioni che riguardano i costi a vario titolo considerati. Che si tratti di onorario e spese nonché di oneri e contributi vari che possano apparire prevedibili. Inoltre, i professionisti dovranno obbligatoriamente comunicare ai clienti i dati della loro eventuale polizza assicurativa per i danni che possano derivare dalla loro attività professionale.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

 Mobile: 335292495 e-mail: studioantoniomariano@gmail.com


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close